Federico Barbarossa, imperatore del Sacro Romano Impero dal 1155 al 1190, intraprese politiche volte a consolidare il potere imperiale in Italia, contrastando l'emergere dei comuni italiani come entità politiche autonome. I comuni, in rapida crescita economica e politica, resistettero alle sue ambizioni di controllo. La Lega Lombarda, formata da città-stato come Milano e Brescia, si oppose strenuamente all'imperatore. La Battaglia di Legnano nel 1176 vide la vittoria della Lega Lombarda, costringendo Federico Barbarossa a riconoscere una certa autonomia ai comuni. La Pace di Costanza nel 1183 segnò un compromesso, concedendo ai comuni un'autonomia significativa pur mantenendo il riconoscimento dell'autorità imperiale. Questo periodo è cruciale nella storia italiana, evidenziando la tensione tra autorità centrale e autonomie locali, tema ricorrente nella storia europea.
La storia della Tratta degli Schiavi nel Nuovo Mondo è spesso travisata in tre principali miti. In primo luogo, contrariamente alla credenza diffusa, solo il 4-6% degli schiavi africani è stato inviato negli Stati Uniti, mentre la maggior parte è arrivata in Brasile e nei Caraibi. In secondo luogo, la Tratta Atlantica degli Schiavi è durata circa 400 anni, ma una prospettiva storica più ampia rivela le radici antiche più profonde della schiavitù e il suo impatto globale. Infine, è un fraintendimento che tutti gli americani del Sud fossero proprietari di schiavi, poiché solo circa il 25% lo era, evidenziando le complessità sociali ed economiche dell'epoca. Questi fraintendimenti persistono e influenzano le attuali disuguaglianze socioeconomiche e le tensioni razziali. Una comprensione storica accurata è fondamentale per affrontare le divisioni del passato e per raggiungere giustizia ed uguaglianza.
La storia di John Rabe, un membro del partito nazista che ha salvato molte vite durante il massacro di Nanchino, ci mostra che il mondo non è solo bianco e nero. Rabe, residente in Cina, ha proteggeva i civili cinesi dall'esercito giapponese usando persino la bandiera nazista come simbolo di protezione. Nonostante la brutalità dell'invasione, Rabe ha rischiato la vita per difendere gli innocenti. Anche dopo la guerra, ha dovuto lottare per trovare lavoro a causa del suo passato oscuro. Nonostante le sue ambiguità, Rabe ha guadagnato rispetto e ammirazione, diventando una leggenda a Nanchino. Il suo diario sul massacro è ancora considerato una fonte storica fondamentale.
Nel contesto educativo moderno, affrontare con successo lo studio richiede spesso metodi pratici e, soprattutto, personalizzabili. Consiglio spesso agli interessati, alcuni metodi che personalmente reputo più idonei di altri. Questi metodi costituiscono però solo delle basi da cui partire per personalizzare il proprio metodo di studio, che deve necessariamente restare un sistema di apprendimento individuale e personale, modificabile nel tempo e che mira essenzialmente a due obiettivi: la massimizzazione dell'apprendimento, ovvero apprendere quante più informazioni possibili in meno tempo possibile e la piena comprensione degli argomenti di studio in questione, verificabile tramite ripetizione orale e riscrittura degli argomenti studiati. Questo articolo esplora quindi metodi di studio diversificati per ottimizzare tempo e risorse. Dallo studio spaziale al metodo pomodoro, dal cramming allo studio di gruppo e alle autointerrogazioni.
Il Cristianesimo, emerso con la predicazione di Gesù Cristo nel I secolo d.C., ebbe un impatto significativo sul mondo antico, in particolare sull'Impero Romano e le popolazioni germaniche che lo invasero. L'editto di Milano del 313 d.C., emesso da Costantino e Licinio, mise fine alle persecuzioni dei Cristiani e riconobbe la libertà religiosa, favorendo l'ascesa del Cristianesimo nell'Impero. Il Cristianesimo divenne gradualmente la religione dominante nell'Impero Romano, portando nuovi valori, tra cui l'amore, la pace e l'uguaglianza, e sfidando l'adorazione dell'Imperatore come divinità. Le persecuzioni furono il risultato di questa tensione, ma il messaggio di speranza del Cristianesimo e l'ascesa di Costantino portarono a una svolta nella storia della fede cristiana. Il ruolo dei vescovi e dei monaci crebbe durante l'alto Medioevo, contribuendo all'amministrazione delle città e alla conservazione del sapere antico nei monasteri. L'arte e l'architettura cristiana, come le cattedrali gotiche, ebbero un impatto significativo sulla cultura medievale. In sintesi, il Cristianesimo trasformò la cultura, la politica e la società del Medioevo e divenne una forza dominante nell'Impero Romano, influenzando la storia europea.
Negli anni, il franchise videoludico curato dalla Creative Assembly di Total War si è espanso notevolmente, partendo dai classici videogiochi rts a tema storico ha poi introdotto ambientazioni fantasy come la trilogia di Warhammer e le più mitologiche Troy: A Total War Saga e Three Kingdom. Questa direzione ha sicuramente ampliato la sua base di fan e ha portato nuove prospettive alla serie videoludica ma, nonostante ciò, in mezzo a queste nuove avventure, i fan storici di lunga data del franchise hanno continuato a desiderare un ritorno alle sue radici storiche da anni ormai abbandonate. Per ovviare a questa carenza, la recente versione rimasterizzata di Total War: Rome ha dato un assaggio del passato della saga, ma ciò non ha placato l’attesa tra i fan di nuove ed entusiasmanti ambientazioni storiche che hanno reso famosa la saga. Ed è per questo motivo che Total War: Pharaoh, a prima vista, sembra rispondere proprio a questa richiesta. Tra alti e bassi, questo nuovo titolo sembra ad oggi non mettere ancora d’accordo tutti i fan di lunga data, che si aspettavano un titolo più granitico, ma nonostante ciò una cosa è certa: sembra infatti che gli sviluppatori stiano finalmente tornando alle origini delle loro produzioni videoludiche.
Se sei un appassionato di strategia e gestione, e hai sempre sognato di regnare come un sovrano (o come un tiranno) nell'antica Grecia, allora Builders of Greece è il gioco che fa per te. Questo affascinante titolo, per ora solo allo stato di accesso anticipato, per questo motivo chiamato "Prologue" o "Prologo" ti permette di mettere alla prova le tue abilità di leadership, prendere decisioni cruciali e costruire la città greca dei tuoi sogni. Con eventi inaspettati, sfide stimolanti e opportunità promettenti, il gioco offre un'esperienza coinvolgente che ti trasporterà indietro nel tempo, nell'epoca d'oro della Grecia antica.
Sengoku Dynasty, il nuovo titolo di Toplitz Productions, offre un'esperienza di gioco open world che mescola elementi di city-building, life-simulation e survival. Attualmente in accesso anticipato su Steam, il gioco ci trasporta nell'epoca turbolenta del Giappone feudale durante il periodo Sengoku. Nonostante il grande potenziale, il gioco presenta alcune problematiche. Il gioco comincia con un breve ma suggestivo filmato iniziale, attraverso il quale il team di sviluppo ci trasporta indietro nel tempo fino all'epoca del periodo Sengoku, ovviamente in Giappone. E, per comprendere il titolo in questione, è opportuno anche immergersi nella complessa storia giapponese di questo periodo storico, compreso tra il 1467 e il 1568 circa. Il Sengoku Jidai è stato caratterizzato da una violenza e una turbolenza senza pari nella storia giapponese, tanto che il termine “Sengoku” significa proprio “stati combattenti”. Conflitti sociali e lotte interne sconvolsero l'intero arcipelago nipponico a causa della ricerca di sempre maggiore potere personale da parte dei Daimyo locali (cioè i più famosi signori della guerra). Sengoku Dynasty è promettente per gli appassionati di Medieval Dynasty e del Giappone feudale, ma al momento presenta molte lacune in termini di progressione, grafica e meccaniche di gioco. Si consiglia di attendere la versione completa per un'esperienza più solida e completa.
Masaniello e la sua rivolta a Napoli nel Seicento rappresentano un momento cruciale nella lotta del popolo contro l'oppressione spagnola. La Spagna stava affrontando una grave crisi finanziaria, portando al aumento delle tasse su beni di prima necessità come olio, seta, farina, sale e vino, causando disagio e malcontento tra il popolo. Masaniello, un pescivendolo analfabeta di umili origini, emerse come il carismatico leader della resistenza popolare. La scintilla fu l'introduzione di una nuova tassa sulla frutta da parte del viceré di Napoli, scatenando una sommossa popolare. Masaniello organizzò un gruppo armato di cittadini inesperti ma determinati. Il suo carisma e la capacità di mobilitare le masse gli permisero di ottenere concessioni dal viceré, tra cui l'abolizione delle tasse recentemente introdotte e una maggiore partecipazione popolare nella politica. Tuttavia, il suo potere crescente lo portò a comportarsi in modo oppressivo e paranoico, creando tensioni con gli ex alleati. Il 16 luglio 1647, Masaniello fu assassinato dai suoi stessi compagni d'armi, ma il suo nome rimase un simbolo di lotta per la libertà e contro l'oppressione. La sua rivolta rappresenta un tentativo di cambiamento sociale e politico e una resistenza al dominio straniero. Nonostante il fallimento della rivolta e il ritorno del controllo spagnolo su Napoli nel 1648, l'eredità di Masaniello come simbolo di resistenza e coraggio contro le ingiustizie continua a vivere nella memoria collettiva. La sua figura è stata celebrata come un segno di speranza per i ceti più umili e oppressi della società.
Questo articolo esplora la storia e l'evoluzione dell'organizzazione criminale giapponese nota come Yakuza. Originariamente nata da gruppi di giocatori d'azzardo e venditori ambulanti nel XVII secolo, la Yakuza ha sviluppato una struttura gerarchica piramidale basata su un codice di condotta rigoroso. I membri della Yakuza, noti per i loro tatuaggi irezumi, sottolineano il loro ruolo di "paladini dei più deboli" mentre sono coinvolti in attività illegali come prostituzione, gioco d'azzardo, spaccio di droga e reati finanziari. L'organizzazione si è infiltrata anche in politica, grandi aziende e spettacolo, vivendo in uno stato di semi-legalità. Tuttavia, nel corso degli anni '90, il governo giapponese ha introdotto leggi più rigorose per combattere la Yakuza, causando una perdita di popolarità e una crisi interna. Oggi, alcune bande potrebbero aver esteso i loro interessi al di fuori del Giappone, ma la Yakuza è in declino e potrebbe essere destinata all'estinzione. Questo articolo fornisce un'analisi completa della Yakuza, dalle sue radici alle sfide attuali che l'organizzazione deve affrontare, evidenziando il suo passaggio dalla leggenda alla realtà moderna.